Le indagini della Digos hanno portato alla necessità di provvedimenti cautelari per quattro soggetti, dei quali uno ancora non reperibile.

FORLÌ – Ancora terrorismo a Bologna, dopo i due ragazzi arrestati a maggio 2019, sono stati arrestate altre persone passate per la capitale emiliana. Almeno è quanto confermano i procuratori Antonella Scandellari e Giuseppe Amato, che hanno gestito l’inchiesta.

I procuratori, durante una conferenza stampa, hanno illustrato i dettagli delle indagini che avevano portato all’emissione di due misure cautelari, ora diventate quattro. Tutti i soggetti colpiti sono ragazzi tra i 22 e i 29 anni, tre somali e un etiope.

Le accuse, estese a tutti e quattro i soggetti, sono quelle di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e finanziamento al terrorismo.

Bologna e il terrorismo: il passaggio dei terroristi in città

Dalle indagini Bologna non è certo un’obiettivo dei terroristi, o presunti tali, ma un punto di passaggio. D’altronde le intercettazioni che hanno dato il via all’indagine riguardavano un ragazzo di Bologna.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Polizia italiana
Polizia italiana

L’hub di via Mattei, a Bologna, avrebbe inoltre ospitato uno dei presunti terroristi somali, già ricercato in Germania, e il 20enne O.I., già arrestato a fine 2018 a Bari.

Entrambi sarebbero arrivati a Bologna subito dopo essere arrivati dalla Libia, ma sarebbero rimasti nella capitale emiliana solo per qualche giorno. Si sarebbero poi diretti a Forlì e, dopo mesi lì, si sarebbero divisi (uno a Bari e l’altro in Germania).

Il terrorista ricercato in Germania, attualmente, è ancora latitante.

Digos di Bologna, le indagini rivelano rete di finanziamento

Le indagini partite dalla chiamata tra i due ragazzi africani, e che ha portato al loro arresto nel maggio 2019, ha rivelato molto più di quanto la Digos di Bologna si aspettasse.

Per prima cosa, i loro telefoni erano sotto controllo perchè i numeri erano stati trovati nella rubrica di un terrorista. Stiamo parlando di Abu Hamza, arrestato in Somalia nel 2017 e collegato ad Al Shabaab.

Le indagini hanno fatto ipotizzare agli inquirenti che uno dei somali arrestati, il 23enne, fosse a capo di due reti criminali, una atta ad importare connazionali illegalmente per spostarli in Europa del Nord e una per finanziare illegalmente il terrorismo.

Attualmente, in ogni caso, le indagini su queste due reti criminali potrebbero espandersi ancora di più. La polizia sta controllando PC e cellulari sequestrati e potrebbe scoprire molto di più.

ultimo aggiornamento: 06-06-2019


Bambino morto per otite, condannati i genitori

Terremoto di magnitudo 3.2 in Molise