Torre di Mosto: ciclista investito in gravi condizioni

Un ciclista è stato investito a Torre di Mosto ed è stato elitrasportato, in gravissime condizioni, in ospedale.

TORRE DI MOSTO (VENEZIA) – Un ciclista è stato investito a Torre di Mosto, un comune provincia di Venezia. Il tutto è successo il pomeriggio del 20 maggio 2019, in Via Confin.

L’uomo, un senegalese di 46 anni, è stato vittima dell’incidente mentre percorre tranquillamente via Confin in bicicletta. Le sue condizioni dopo l’impatto erano gravissime. Così gravi che è stato subito elitrasportato all’Ospedale dell’Angelo, a Mestre.

Le condizioni del ciclista senegalese investito

L’incidente è accaduto intorno alle 15:30 del 20 maggio 2019 e l’uomo è stato portato subito in ospedale. Era in gravissime condizioni. Tant’è vero che è stato subito portato in ospedale e da allora è in prognosi riservata.

Subito dopo l’incidente, il ciclista è stato rapidamente soccorso dai paramedici del Suem 118. I soccorritori sono riusciti a stabilizzarlo, al momento, ma sono stati costretti a portare subito l’uomo nel reparto Rianimazione dell’Ospedale dell’Angelo.

Ancora non si hanno informazioni precise sulla salute del cittadino senegalese. Se non che l’impatto con l’auto che ha causato l’incidente è stato molto violento.

Incidente bici auto
Incidente bici auto

La dinamica dell’incidente

Dai primi rilievi che i carabinieri di Portogruaro hanno fatto, infatti, la causa dell’incidente sarebbe un’automobile. La bicicletta del quarantaseienne sarebbe stata tamponata da un’auto in maniera molto violenta.

Con precisione, secondo le informazioni che sono state rilasciate, il responsabile sarebbe un cinquantenne, un senegalese di Montebelluna (provincia di Treviso).

Del ciclista, per adesso, si sa solamente che era a Torre di Mosto per motivi lavorativi. Mentre era in strada, l’auto l’ha colpito in maniera così violenta da sbalzarlo prima sul cofano dell’auto e poi in mezzo alla strada.

A quanto pare, dato l’impatto violente, è stato già fortunato ad essere ancora vivo. Merito anche dei soccorsi rapidi del Suem 118 che hanno permesso di stabilizzarlo e portarlo in sicurezza in ospedale.

ultimo aggiornamento: 21-05-2019

X