Moviola Serie A 24^ giornata: manca un rigore all’Inter, giusta la rete annullata all’Udinese

Andiamo ad analizzare tutti gli episodi della 24a giornata di Serie A: domenica non semplice per gli arbitri

ROMA – Ritorna il nostro consueto appuntamento con la moviola della Serie A. In questo articolo andiamo ad analizzare tutti gli episodi dubbi della 24^ giornata, iniziata venerdì con un inconsueto anticipo e si concluderà domenica sera.

Moviola Serie A, gli episodi del 24° turno

FiorentinaJuventus 0-2 (Marco Guida di Torre Annunziata 6; VAR Fabbri-Di Fiore 5)

L’unico episodio dubbio del match arriva al 19′. Tocco di braccio in area di rigore di Chiellini sul cross di Benassi. Guida assegna inizialmente il calcio di rigore e poi con l’aiuto del VAR segnala il fuorigioco. Decisione molto dubbia, infatti l’ultimo tocco di Alex Sandro sembra essere volontario così il giocatore Viola rientrava in posizione regolare. Poteva essere segnalato un fallo di Simeone sul brasiliano. Fabbri doveva portare il direttore di gara a rivedere l’episodio al video. Regolare, invece, la seconda rete di Higuaín.

SpalMilan 0-4 (Maurizio Mariani di Aprilia 6.5; VAR Doveri-Lo Cicero 6.5)

Arbitraggio senza sbavature per Mariani che prende una sufficienza piena. Gli unici due episodi dubbi sono sui gol di Cutrone ma l’attaccante rossonero parte in posizione regolare entrambe le volte.

CrotoneAtalanta 1-1 (Davide Massa di Imperia 5.5; VAR Giacomelli-Costanzo 6)

Arbitraggio sotto la sufficienza per Massa che però non commette gravi errori. Clamoroso l’abbaglio su un fallo di de Roon su Nalini che lui ha fischiato a parti invertite. Per il resto molti fischi sbagliati per entrambe le squadre. Si conferma un momento complicato per il direttore di gara ligure.

NapoliLazio 4-1 (Luca Banti di Livorno 6.5; VAR Damato-Tegoni 6)

Partita non semplice per Damato anche se non ci sono grandissimi errori. Il primo episodio dubbio è un presunto fallo di Wallace su Mertens. Il contatto sembra esserci ma non da fischiare il rigore. Il VAR non è intervenuto perché non chiaro errore. Nel finale di primo tempo Sarri viene espulso per proteste. Il tecnico dei partenopei voleva il rosso a Milinkovic-Savic per una manata a Callejón: giusto dare solo il giallo.

SassuoloCagliari 0-0 (Paolo Silvio Mazzoleni 6.5; VAR Aureliano-Tonolini 6.5)

Gara tranquilla per Mazzoleni con nessun episodio dubbio.

Chievo VeronaGenoa 0-1 (Claudio Gavillucci di Latina 6.5; VAR Calvarese-Saia 6.5)

Anche qui davvero poco lavoro per l’arbitro. L’unico episodio dubbio la rete annullata a Pandev per un netto fuorigioco al 36′. Meggiorini si lamenta per una spinta in area di rigore, giusto lasciare proseguire

InterBologna 2-1 (Paolo Valeri di Roma 1 5; VAR La Penna-Vivenzi 5.5)

Direzione non precisa di Valeri. Nel primo tempo contatto in area di rigore tra Poli ed Éder. Il direttore di gara a due passi lascia proseguire ma il rigore c’è. Errore anche del VAR che non l’ha considerato errore grave. Nella ripresa giustissimi i due rossi a Mbaye e Masina. Sul secondo il fischietto romano viene salvato dal video. Il Bologna recrimina un rigore per un fallo di mano di D’Ambrosio. La palla sbatte sul braccio del difensore nerazzurro ma non c’è nessun movimento sospetto, quindi giusto lasciare proseguire.

SampdoriaVerona 2-0 (Luca Pairetto di Nichelino 6.5; VAR Pasqua-Marrazzo 6.5)

L’unico episodio è il rigore assegnato alla Sampdoria nel finale. Netto il contatto tra Valoti e Kownacki quindi giusto assegnare il penalty.

TorinoUdinese 2-0 (Rosario Abisso di Palermo 5; VAR Maresca-Pillitteri 6.5)

Due episodi in questo match. Nel primo tempo annullato giustamente la rete a Barák. Sul cross dalla destra la palla è indirizzata a Lasagna ma Maxi López diventa attivo perché impedisce di muoversi a Burdisso. Se l’attaccante ex Carpi avesse segnato allora sarebbe stato tutto regolare, ma avendo colpito la traversa la leggera trattenuta dell’attaccante argentino ha impedito al difensore granata di arrivare sulla palla. Difficile giudicare dal vivo ma esatta la correzione del VAR. Errore, invece, sul primo gol del Torino. Belotti spinge Larsen nell’azione che poi porta all’angolo della rete di N’Koulou. Il VAR non può intervenire perché è un’altra azione ma l’arbitro sbaglia.

RomaBenevento 5-2 (Gianluca Manganiello di Pinerolo 5.5; VAR Tagliavento-Di Vuolo 5.5)

L’unico episodio dubbio arriva nel finale quando Manganiello assegna il calcio di rigore alla Roma. La palla arriva sul braccio di Djimsiti che si lancia in scivolata per opporsi alla conclusione. Il movimento, però, sembra congruo quindi si poteva lasciare correre. Il VAR non l’ha considerato grave errore ma poteva essere giudicato in modo diverso.

 

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 12-02-2018

Francesco Spagnolo

X