Moviola Serie A 25^ giornata: VAR promosso, disastro Tagliavento e Orsato

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

La 25^ giornata di Serie A si è conclusa nella giornata di ieri. Andiamo a vedere tutti gli episodi dubbi di questo turno con il VAR protagonista.

ROMA – Ritorna il nostro consueto appuntamento con la moviola di Serie A. Andiamo a controllare tutti gli episodi dubbi della 25^ giornata che ha visto protagonista il VAR ma anche qualche errore da parte dei direttori di gara come Orsato e Tagliavento.

La moviola del 25° turno di Serie A

Ecco tutti gli episodi dubbi del 25° turno

UdineseRoma 0-2 (Marco Di Bello di Brindisi 5.5; VAR Damato-Peretti 5.5)

L’unico episodio dubbio nel match arriva nel primo tempo. Ali Adnan respinge con il braccio alto un cross di Cenzig Ünder. Il VAR lascia proseguire anche se forse si doveva portare l’arbitro a rivederlo al vivo come prevede il regolamento.

Chievo VeronaCagliari 2-1 (Luigi Nasca di Bari 6; VAR Valeri-Marini 6)

Partita senza particolari sussulti con Luigi Nasca che gestisce nel migliore dei modi la partita. Nessun episodio dubbio.

GenoaInter 2-0 (Michael Fabbri di Ravenna 6; VAR Giacomelli-Tasso 6)

Partita molto tranquilla per Fabbri che non ha sbagliato nulla.

TorinoJuventus 0-1 (Daniele Orsato di Schio 5; VAR Irrati-Vuoto 5.5)

Partita non semplice per Orsato che ha sbagliato molto. Regolare il gol di Alex Sandro visto che la spinta di Bernardeschi su Ansaldi è troppo leggera per causare quella caduta. Errore, invece, sull’entrata del difensore argentino su Pjanic. Giusto fischiare il fallo ma andava ammonito. Poteva essere sanzionato anche l’urlo del centrocampista bosniaco nei confronti del direttore di gara. Graziato anche Chiellini per una manata su Belotti. Ci stava il fallo e il giallo.

BeneventoCrotone 3-2 (Gianluca Rocchi di Firenze 5.5; VAR Pasqua-Giallatini 5.5)

Partita difficile per Rocchi. Sulla rete dell’1-1 Sandro si appoggia su Ceccherini e Capuano. Il fallo ci poteva stare anche se il capitano dei campani ha usato la sua esperienza. Il numero 7 rossoblù chiede un rigore sul finire della prima frazione ma non c’è nulla. Qualche dubbio sul 3-2 campano: Djimsiti per colpire di testa trattiene la maglia di Budimir. Ci poteva stare il fallo, errore del VAR che non l’ha portato a rivedere.

BolognaSassuolo 2-1 (Paolo Tagliavento di Terni 5.5; VAR Guida-Baroni 5.5)

Anche qui qualche errore per Tagliavento. Regolari le reti delle due squadre mentre il rosso a Goldaniga è molto in dubbio. Il difensore del Sassuolo interviene sulla palla e poi con la gamba di richiamo va sul giocatore: ok il fallo ma il secondo giallo poteva essere evitato.

NapoliSpal 1-0 (Claudio Gavillucci di Latina 6.5; VAR Mariani-Longo 6)

L’unico episodio dubbio è la rete annullata ad Hamšik: il VAR salva l’assistente Bottegoni. Nell’esultanza il capitano dei partenopei ha rotto la bandiera ed è stato ammonito. Il cartellino come da regolamento rimane. Nel finale la Spal chiede un calcio di rigore per un fallo di mano di Mario Rui ma è involontario visto il tocco in precedenza con il corpo di Koulibaly. Giusto lasciare proseguire.

AtalantaFiorentina 1-1 (Fabio Maresca di Napoli 6; VAR Massa-Valeriani 6)

Pochi errori di Maresca che giudica nel migliore dei modi l’intervento tra Benassi e Palomino anche se l’ammonizione al giocatore Viola sembra esagerata. Nel finale giusta la doppia ammonizione a Milenkovic.

MilanSampdoria 1-0

LazioHellas Verona 2-0 (Gianpaolo Calvarese di Teramo 6.5; VAR Di Iorio-La Rocca 6)

Gara gestita molto bene da Calverese. Non c’è contatto tra Büchel e Lulic con l’arbitro che grazia il bosniaco che non viene ammonito per simulazione.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 20-02-2018

Francesco Spagnolo